Kokeshi: la collana di libri per scoprire il fascino della cultura orientale

Effetto WOW > Libri > Kokeshi: la collana di libri per scoprire il fascino della cultura orientale

Indice dei contenuti

Chi è Annelore Parot

L’autrice di questi meravigliosi libri per bambini è Annelore Parot, illustratrice francese che nel suo laboratorio di Lione si occupa di stampa, editoria, pubblicità e tessuti. Da più di 20 anni illustra e crea originali opere per bambini, dando colore e vita alle sue passioni su carta. L’amore per la moda e per il Giappone si fondono in questi tre deliziosi volumi, tradotti in più lingue e, con mia grande felicità, anche in italiano. Tre meravigliosi libri (ai quali sono seguiti altri volumi purtroppo non disponibili in Italia) dalla grafica raffinata ma divertente e accattivante, uno spettacolo per gli occhi di grandi e piccini. I suoi personaggi, adorabili Kokeshi, ci permettono di tuffarci in un mondo unico molto lontano da noi, attraverso abiti, feste e tradizioni del Sol Levante, facendo sognare chi ama il Giappone e facendo innamorare del Giappone chi ancora non ne aveva subito il fascino.

Tra le pagine ricchissime di dettagli, sono inserite finestrelle e alette che svelano curiosità sulla cultura orientale e permettono di imparare alcune semplici parole giapponesi. Negli ultimi anni l’autrice si è dedicata anche a un altro originalissimo progetto per bambini, nato dalla sua esperienza nel prendersi cura di un orto sperimentale. Una serie di libri incentrati sul protagonista Timo, un bimbo curioso e sensibile che ha voglia di scoprire il mondo che lo circonda, e tutto ciò che riguarda la natura e la biodiversità. Una scrittrice insomma che ha sempre messo nelle sue opere le sue passioni e tutto il suo amore riuscendo a trasmetterli in pieno ai suoi lettori.

libri kokeshi

Cosa sono le Kokeshi

La serie dei tre volumi è dedicata alle Kokeshi che ne sono dirette protagoniste. Le Kokeshi sono uno dei simboli del Giappone e sono originarie della regione di Tohoku. Non sono altro che piccole bambole scolpite nel legno, dal busto cilindrico o leggermente arrotondato, senza braccia e senza gambe ma con bellissimi kimono colorati e ricchi di dettagli. Pare che abbiano ispirato le ben più famose e conosciute matrioske russe! In Giappone vengono regalate alle persone care e passate di genitori in figli. Tenute in casa, portano fortuna e allontanano la cattiva sorte.

Kimono

Il volume “Kimono” è leggermente più grande degli altri due e non ha una protagonista specifica ma descrive più Kokeshi soffermandosi soprattutto, come intuibile dal titolo, sul tradizionale abito giapponese e su altre caratteristiche peculiari della vita in Giappone. Sfogliando le pagine possiamo fare la conoscenza di diverse Kokeshi che raccontano ognuna uno spaccato di vita nipponica. La prima Kokeshi, per esempio, introduce due bellissime pagine illustrate che raccontano una normale giornata a scuola, cogliendo l’occasione per insegnare ai bambini (o a noi adulti) i nomi dei giorni della settimana e i relativi kanji che li rappresentano. “Kimono” è senza dubbio il volume più “istruttivo” tra i tre: sfogliandolo è possibile imparare decine di termini giapponesi di uso quotidiano, una vera full immersion nella cultura giapponese e nelle abitudini degli abitanti del Sol Levante. Così come negli altri due volumi, anche in questo i bambini potranno divertirsi con piccoli giochi, finestre e alette da spostare o aprire per scoprire dettagli e curiosità.

kimono copertina

Il volume “Yumi” è invece dedicato a una singola Kokeshi, la piccola Yumi appunto che con il suo amico Bamboo ci presenta uno spaccato di vita giapponese. Anche in questo caso sono presenti molti kanji e le relative traduzioni in italiano; mancano purtroppo le parole scritte in romanji, ovvero le trasposizioni in lettere latine delle pronunce giapponesi, comprensibile dal punto di vista didattico (nei corsi di giapponese viene abbandonato quasi subito o evitato del tutto) ma un po’ meno dal punto di vista “pratico” visto che si tratta di un libro per bimbi. Le splendide illustrazioni e i giochi di “carta” presenti tra le pagine compensano questa piccola pecca, soprattutto le pagine dedicate ai koinobori, i tipici aquiloni giapponesi a forma di pesce che volano in cielo durante la “Festa dei bambini”. Una meraviglia per gli occhi, vi perderete nei dettagli delle pagine!

kokeshi yumi

Aoki

Il volume “Aoki” è del tutto simile a “Yuki”. Aoki è la Kokeshi protagonista del libro e ci accompagna in un viaggio da Tokyo a Kyoto insieme al suo amico panda Pouny per fare visita all’amica Yoko. E’ il primo volume della serie che ho acquistato e sicuramente quello al quale sono più legata, nonché il preferito di mia figlia. Nonostante sia cresciuta (e io lo sia ancora di più) non ci stanchiamo mai di sfogliare le pagine di “Aoki”. La trasferta nella città dell’amica Kokeshi offre tante occasioni per mostrare le meraviglie del Giappone e imparare piccole parole d’uso comune (in questo caso, scritte sia in romanji che con i caratteri giapponesi): dal treno super veloce al traffico della città, dai costumi tradizionali al cibo, dai giardini zen ai negozi ricchi di dolci, oggetti kawaii e attrezzature super tecnologiche fino ad arrivare allo splendore della fioritura dei fiori di ciliegio e a una splendida visione del monte Fuji in notturna che riserva anche una sorpresa (provate a godervi il panorama al buio)… Insomma, un libro illustrato per bambini che regala emozioni e meraviglie ad ogni pagina!

Negli anni la mia passione per il Giappone è cresciuta e mi ha portata a dedicarmi non solo alla costante ricerca di informazioni su cultura e tradizione ma anche a studiare la bellissima (e difficilissima) lingua giapponese. Le mie figlie sono cresciute quindi circondate da oggetti e libri che raccontano il mio amore per questo incredibile paese e proprio per cercare di coinvolgerle ancora di più ho acquistato questi stupendi volumi di Annelore Parot che hanno entusiasmato sia loro che me e hanno spinto anche loro a voler imparare il giapponese. Grazie a questi bellissimi libri hanno iniziato a prendere dimestichezza con le prime semplici parole in giapponese, i caratteri (hiragana e katakana) e i kanji. Ma senza spingerci troppo oltre, questi tre meravigliosi volumi, possono essere apprezzati da chiunque per le loro bellissime illustrazioni e per la qualità della pubblicazione. Assolutamente consigliati a tutti!

Se siete innamorati come me del Giappone e avete già avuto la possibilità di sfogliare le pagine di questi incredibili volumi di Annalore Parot, fateci sapere cosa ne pensate! Se avete dubbi o domande riguardo i volumi, scriveteci lasciando un commento qui sotto!

Autore
Hai domande o curiosità?
Lasciaci un commento!
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Seguici su YouTube
Seguici su Telegram
Seguici sui Social
Facebook
Instagram
Telegram
YouTube
Iscriviti alla newsletter
Articoli correlati
brutte storie preview
“Brutte Storie”: studiare la storia non è mai stato così divertente
Categorie
Autore
Effetto WOW © 2021 Copyright SimpleMedia® P.IVA 01305640771 | REA: MT-88678 |
Effetto WOW © 2021 Copyright SimpleMedia® P.IVA 01305640771 | REA: MT-88678 |