L’era glaciale: tutto quello che c’è da sapere sulla famosa saga d’animazione

Effetto WOW > Musica, Film e TV > L’era glaciale: tutto quello che c’è da sapere sulla famosa saga d’animazione

Indice dei contenuti

Perché è impossibile non amare "L'era glaciale"

La prima ondata di caldo afoso e insopportabile di quest’anno ha ispirato un weekend in famiglia con ventilatore puntato sul divano e bibita ghiacciata in mano: sullo schermo della nostra tv, i film d’animazione della saga più divertente di tutti i tempi, “L’era glaciale”. Nonostante l’argomento, non è riuscita a portare un gran refrigerio ma ci ha fatto comunque dimenticare per un attimo che, anche se sembra estate, in realtà la scuola non è ancora finita, che il tempo del primo tuffo in mare è ancora lontano e che il lunedì presenta il conto presto.

“L’era glaciale” è la saga che in famiglia amiamo di più in assoluto: adoriamo tutti i film d’animazione, abbiamo una passione sfrenata per i grandi classici così come per le novità Pixar, ma i simpaticissimi protagonisti di questi film, così bestiali e al contempo così umani nei loro atteggiamenti e nelle loro emozioni, sono in cima alla nostra classifica. Risate assicurate, qualche battuta che fa ridere soprattutto i più grandi, citazioni fantastiche (indimenticabile il bimbo che fa il saluto vulcaniano ispirato a Star Trek nel primo capitolo), tanta tenerezza e un briciolo di speranza nonostante la “fine del mondo”, il tutto condito con neve e ghiaccio, un mix esplosivo perfetto da godersi in questa stagione per rinfrescare lo spirito.

era glaciale intro

Un successo di ascolti senza fine: la storia della saga

“L’era glaciale” è una saga a effetto wow in tutti i sensi: chissà se i suoi creatori si sarebbero mai aspettati l’incredibile successo senza fine che li ha investiti! A riprova di questo, nonostante ne sia stata annunciata più volte la fine, la saga continua a vivere grazie a giochi, gadget, videogiochi e attrazioni a tema nei più importanti parchi di divertimento in tutto il mondo. Proprio in questo ultimo periodo, i film della saga sono stati piazzati in prima serata su un canale Mediaset, uno a settimana, come accade puntualmente ogni anno.

“L’era glaciale” nel corso degli anni ha battuto ogni record: ad oggi è una delle saghe animate con il maggiore incasso di sempre, un guadagno di oltre 6 miliardi destinato a crescere perché riesce ad entrare nel cuore dei bambini e degli adulti, generazione dopo generazione. Se conoscete già i film della saga preparatevi a rimanere a bocca aperta: il primo film è stato realizzato nel 2002, ben 20 anni fa! L’avreste mai immaginato riguardandolo in tv con i vostri bambini qualche settimana fa? Forse il segreto del suo successo è proprio questo: tematiche ed emozioni sempre attuali che appassionano ad ogni età con un occhio di riguardo al tema dell’inclusività, tanto importante quanto dibattuto soprattutto al giorno d’oggi.

L’era glaciale

Il primo capitolo della saga si intitola “L’era glaciale”, in originale “Ice Age” ed è stato prodotto dalla Blue Sky e distribuito dalla 20th Century Fox, come già anticipato, nel lontano 2002. Il film, candidato come migliore pellicola d’animazione l’anno successivo, è stato fin da subito osannato dalla critica tanto quanto dal pubblico, amato dai bambini e dagli adulti. Non ha vinto l’Oscar ma è stato comunque il film d’animazione con l’incasso più alto nell’anno della sua uscita. Il motivo è presto detto: “L’era glaciale” è un film d’animazione divertente come pochi altri, con una trama ben delineata, con personaggi nei quali è facile riconoscersi o riconoscere chi amiamo, con buoni propositi e buoni sentimenti ma senza troppo miele e con una storia davvero avvincente.

era glaciale trio

La storia è ambientata nel Paleolitico, come suggerisce il titolo stesso, nel periodo in cui l’era glaciale sta per devastare il mondo così com’era all’epoca, in un clima di totale sciagura e apocalisse imminente in cui gli animali rischiano di rimanere senza cibo o soccombere alle temperature sempre più basse. E’ qui che incontriamo per la prima volta Scrat, sfigatissimo scoiattolo che riesce a provocare la rottura di un ghiacciaio con una sola ghianda, personaggio simbolo della saga ma sempre distaccato dalla storia dei protagonisti. Ed è qui che facciamo la conoscenza di Manny, mammut scorbutico e burbero che preferisce non prendere parte alla fuga di massa degli altri animali (e che decide di percorrere la strada opposta) e Sid, bradipo pasticcione e petulante, probabilmente poco gradito alla sua stessa famiglia visto che decidono di abbandonarlo e partire senza di lui. Manny salva Sid e Sid non vuole più lasciare Manny: una situazione che ricorda molto il rapporto d’amicizia sgangherato di Shrek e Ciuchino, forse per questo, li ho amati dal primo momento! Mentre Manny e Sid muovono i primi passi, un branco di temibili tigri dai denti a sciabola organizza il rapimento di un piccolo umano: il capo della brigata è il crudele Soto, il suo secondo, la tigre Diego. La madre del piccolo dà la sua vita per salvare quella del figlio e lo affida a Manny. Durante il cammino per riportare il cucciolo d’uomo alla sua tribù Diego si unisce al duo, all’inizio non con buone intenzioni. Ma lungo il cammino i tre diventeranno sempre più uniti e il loro legame li porterà a scegliere la giusta via e a incamminarsi insieme lungo il sentiero per la salvezza.

era glaciale 1

L’era glaciale 2 – Il disgelo

Il grande successo del primo film mi aveva fatto sperare in un seguito più rapido, invece abbiamo dovuto aspettare ben 4 anni per poterci godere le nuove avventure di Sid e dei suoi amici. L’attesa è stata però ripagata: il secondo capitolo della storia è probabilmente il mio preferito! I tre amici vivono ormai insieme, in una piccola e strampalata comunità di soli “uomini” e Manny inizia a temere di essere l’unico rimasto della sua specie. Durante l’ennesimo spostamento a causa della pericolosità del periodo storico in cui vivono, incontrano però Ellie, una stramba mammut femmina che si crede in realtà un opossum. Entrano così a far parte del gruppo Ellie ma anche Crash e Eddie, due veri opossum. Insieme, amici vecchi e nuovi, continueranno la loro fuga verso la speranza, in attesa che il mondo intorno a loro smetta di congelare.

era glaciale 2

L’era glaciale 3 – L’alba dei dinosauri

Di nuovo qualche anno di attesa e finalmente nel 2009, esce al cinema “L’era glaciale 3”. In questo nuovo capitolo fa la sua comparsa Buck, un furetto molto eccentrico, ma anche Scrattina, la compagna che tutti stavamo aspettando per Scrat. Tra risate e avventure, la famiglia allargata di Manny & company continua il suo viaggio alla ricerca di un posto sicuro dove poter vivere. Soprattutto Manny desidera una vita tranquilla e serena, poiché sta per diventare papà: Ellie infatti è incinta! Diego si sente di troppo e decide di proseguire da solo, Sid si sente solo e decide di crearsi una famiglia: lo fa però nel solito modo strampalato, rubando uova di dinosauro che gli procureranno grossi guai. La nascita di Pesca, figlia di Manny, riporterà l’ordine nonché Diego a casa, consapevole di avere una famiglia, strana ed inusuale, ma pur sempre una famiglia.

L’era glaciale 4 – Continenti alla deriva

Nel 2012, con cadenza ormai abbastanza regolare quindi, torna il quarto capitolo della serie. Nella vita dei protagonisti però sono passati ben più di un paio d’anni: ritroviamo infatti Manny alle prese con i capricci di Pesca, ormai adolescente e alle prese con le prime cotte. Il punto di inizio fondamentale del film è sempre Scrat, il combinaguai: tentando di seppellire come sempre la sua ghianda nel ghiaccio, apre una voragine che provoca una catastrofe apocalittica innescando la deriva dei continenti. Questo comporterà la separazione del gruppo dei nostri amici: da una parte il trio Diego, Sid e Manny, dall’altra Ellie, Pesca e insieme a loro Nonnina, la nonna di Sid. Inizieranno così avventure e peripezie che porteranno i protagonisti addirittura a dover affrontare dei feroci pirati. Come sempre però, riusciranno a ricongiungersi e ritrovare le rispettive famiglie.

era glaciale 4

L’era glaciale 5 – In rotta di collisione

Nel 2016 la Blue Sky Studios produce il suo ultimo capitolo della saga “L’era glaciale”. Il quinto capitolo non introduce grandi novità rispetto ai precedenti, squadra che vince non si cambia: Scrat come sempre la combina grossa, provocando questa volta il dirottamento di un enorme asteroide verso la Terra. Intanto Manny continua ad essere alle prese con il suo difficile ruolo di padre iper protettivo: la figlia Pesca, sta per sposare il suo fidanzato, Julian. Le storie d’amore sono in primo piano anche nelle vite degli altri protagonisti: Diego si è sposato con Shira e progetta di avere figli, mentre Sid rimpiange la sua ex e il matrimonio sfumato. Il gruppo, dovrà mettere da parte ogni proposito di vita tranquilla e partire alla ricerca di un modo per salvare il pianeta: in questo li aiuterà un vecchio amico, il folle Buck, l’esilarante furetto dalle personalità multiple che guiderà il gruppo in missione.

era glaciale 5

Ere glaciali e dintorni: film, cortometraggi e serie

Siete fan di Sid, Mandy, Diego e di tutti i divertenti personaggi di “L’era glaciale”? Ecco cosa non dovreste perdervi! Se in tv è consuetudine trovare in programma i film della saga e ancora più facile è trovarli in streaming, ci sono altre avventure da vivere sullo schermo insieme ai nostri eroi. Non sono mancati per esempio i cortometraggi spin-off: “L’era Natale” ha deliziato le vacanze natalizie del 2011, mentre qualche anno dopo è stato pubblicato “L’era glaciale – La grande caccia alle uova”. Il personaggio di Scrat, amatissimo ma rimasto un po’ all’angolo nei film “ufficiali” ha avuto la sua rivincita grazie all’affetto dimostrato dal pubblico ed è stato protagonista dei cortometraggi “Gone, Nutty”, “Una ghianda è per sempre” e “Scrat: spaced out”. Anche lo stravagante Buck si è ritagliato un posto nel cuore di noi fan e proprio quest’anno sono usciti “L’era glaciale – Le avventure di Buck” oltre alla serie “L’era glaciale – I racconti di Scrat”.

Il film dedicato alle avventure di Buck è considerato da molti il sesto capitolo della saga anche se una serie di vicissitudini a monte non permettono di dargliene pieno titolo. E’ infatti un grande cambiamento in casa “Ice Age” poiché è il primo film non prodotto dalla Blue Sky, che nel 2021 ha chiuso i battenti (o meglio, è stata acquistata dal gruppo The Walt Disney Company), ma prodotto dalla 20th Century Animation e distribuito e visibile solo su Disney+.

buck ice age

Perché vedere (e rivedere) “L’era glaciale”

“L’era glaciale” è un film d’animazione assolutamente straordinario, sia guardato con gli occhi di un bambino che visto con gli occhi di un adulto. Il filo conduttore di tutti i film è abbastanza evidente: prendere la vita con ironia! Riuscire a sorridere e ridere mentre tutto intorno il mondo cade letteralmente a pezzi è la migliore lezione che Manny, Sid e Diego riescono ad impartirci. Un insegnamento che mettono in pratica in prima persona visto che tutti i film sono ambientati in scenari apocalittici con la prospettiva di estinzioni di massa e l’unico imperativo di salvare la pelle. Un tema, quello dell’era glaciale e del cambiamento climatico in generale, che non è mai stato tanto attuale quanto oggi, e anche per questo il film è incredibilmente legato a ciò che stiamo vivendo.

Le tematiche del film non sono assolutamente banali e stupide, anzi: anche se attraverso simpatici animali antropomorfi e personaggi del tutto folli e irriverenti che strappano sempre una risata, durante la proiezione dei film (e in particolar modo nei primi), si toccano tematiche sociali importanti come il razzismo, l’emarginazione, la solitudine, l’intolleranza. La difficoltà di convivere con il prossimo e ancora di più la difficoltà di sopportare chi è diverso fanno da filo conduttore fin dal primo momento nel film “L’era glaciale” e vengono risolte nel modo più spontaneo: i sentimenti puri, in questo caso l’amicizia, riescono a cancellare ogni dubbio, ogni sospetto e ogni reticenza, abbattendo tutte le barriere e mettendo in mostra quanto sia sciocco avere paura del “diverso”. L’inclusività è la base sulla quale costruire una società sana e che funzioni, eliminando lotte, paure e violenza. Un concetto molto attuale e molto dibattuto che potrebbe far storcere il naso a chi ha una mentalità ancora un po’ all’antica. La famiglia di Manny, Diego e Sid è senza dubbio atipica, ma è una FAMIGLIA, vera, solida e piena di buoni valori e sentimenti. Una volta accettato questo, per i protagonisti sarà più facile unire le forze e affrontare tutti i problemi, fine del mondo inclusa! Il risultato di tutto questo è che ad ogni visione (e personalmente l’ho visto davvero tante volte), si piange a forza di ridere e alla fine ci si commuove pure. Se non avete mai visto “L’era glaciale”, fatelo subito! E se invece l’avete già visto, guardatelo di nuovo, perché ne vale sempre la pena!

era glaciale finale

Anche voi amate alla follia le avventure di Manny, Sid, Diego e Scrat? Cosa ne pensate di questa straordinaria saga di film così attuali e profondi ma allo stesso tempo incredibilmente divertenti? Lasciate commenti e recensioni nel box qui sotto! 

Autore
Hai domande o curiosità?
Lasciaci un commento!
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Seguici su YouTube
Seguici su Telegram
Seguici sui Social
Facebook
Instagram
Telegram
YouTube
Iscriviti alla newsletter
Articoli correlati
Tastiera elettronica didattica Sanlinkee: per imparare ad amare la musica
buffy-preview
Buffy The Vampire Slayer, la serie cult tra vampiri, demoni e femminismo
film scuola preview
5 film da vedere prima del suono della campanella del primo giorno di scuola
Categorie
Autore
Effetto WOW © 2021 Copyright SimpleMedia® P.IVA 01305640771 | REA: MT-88678 |
Effetto WOW © 2021 Copyright SimpleMedia® P.IVA 01305640771 | REA: MT-88678 |